La Grande Madre

ideata e curata da Fondazione Nicola Trussardi

Palazzo Reale, Milano
26 Agosto - 15 Novembre, 2015




Abstract

La Grande Madre analizza l'iconografia e la rappresentazione della maternità nell'arte del Novecento, dalle avanguardie sino ai nostri giorni, grazie a più di 400 opere di 139 artiste, artisti, scrittori e registi internazionali, provenienti da una ventina di musei, da fondazioni, archivi, collezioni private e gallerie nel mondo.
Dalle veneri paleolitiche alle “cattive ragazze“ del post-femminismo, passando per la tradizione millenaria della pittura religiosa con le sue innumerevoli scene di maternità, la storia dell’arte e della cultura hanno spesso posto al centro la figura della madre, come simbolo della creatività e metafora della definizione stessa di arte. La madre e la sua versione più familiare di “mamma” sono anche stereotipi intimamente legati all’immagine dell’Italia.
La Grande Madre è una mostra sul potere della donna, non solo generativo e creativo della madre, ma soprattutto quello negato alle donne e conquistato nel corso del Novecento: partendo dalla rappresentazione della maternità, si attraversa un secolo di lotte tra emancipazione e tradizione, raccontando le trasformazioni della sessualità, dei generi e della percezione del corpo. Pensato come un museo temporaneo in cui trovare storia dell’arte e cultura visiva, il percorso ricostruisce una narrazione trasversale del ventesimo secolo, offrendo una riflessione sul femminile come soggetto e non più solo come oggetto della rappresentazione. Ne emerge un’immagine della madre come proiezione di desideri, ansie e aspirazioni individuali e collettive forse meno rassicurante di quella cui ci hanno abituato, ma più complessa e potente.
Il catalogo de La Grande Madre, a cura di Massimiliano Gioni, è stato pubblicato da Skira Editore in italiano e in inglese.




Mostra

Attraverso le opere di oltre cento artisti internazionali, La Grande Madre analizza l’iconografia e la rappresentazione della maternità nell’arte del Novecento, dalle avanguardie fino ai nostri giorni.

Dalle veneri paleolitiche alle ‘cattive ragazze’ del post-femminismo, passando per la tradizione millenaria della pittura religiosa con le sue innumerevoli scene di maternità, la storia dell’arte e della cultura hanno spesso posto al proprio centro la figura della madre, simbolo della creatività e metafora della definizione stessa di arte. Archetipo e immagine primordiale, la madre e la sua versione più familiare di “mamma” sono anche stereotipi intimamente legati all’immagine dell’Italia. 

La Grande Madre è una mostra sul potere della donna: partendo dalla rappresentazione della maternità, l’esposizione passa in rassegna un secolo di scontri e lotte tra emancipazione e tradizione, raccontando le trasformazioni della sessualità, dei generi e della percezione del corpo e dei suoi desideri.

Approfondisci

Con un allestimento che si estende su una superficie di circa 2.000 metri quadrati al piano nobile di Palazzo Reale, La Grande Madre porta l’arte contemporanea al centro del programma di Expo in città, collegando la storia dell’arte alle questioni più urgenti del nostro tempo. La Grande Madre mescola il contemporaneo con la storia, accostando opere di oggi e capolavori storici, gemme sconosciute e artefatti provenienti dal mondo del cinema e della letteratura, ed evocando un ricco tessuto di associazioni, ricordi e immagini.

La Grande Madre è una mostra promossa da Comune di Milano | Cultura, ideata e prodotta dalla Fondazione Nicola Trussardi insieme a Palazzo Reale per Expo in città 2015

BNL Gruppo BNP Paribas è main sponsor dell’esposizione.

Share on
Previous

Wheatfield

Next

La Terra Inquieta